La verità sul viso perfetto. (O quasi…)

Tempo fa vi parlai dei miei rituali di bellezza, ora a distanza di un lungo periodo vi racconto delle novità dalle quali poter prendere spunto o da abortire immediatamente.
Perché dico così? Punti di vista.

Ho sempre cercato nei miei due lunghi lustri e mezzo di vita di trovare soluzioni naturali per quanto riguarda la “manutenzione” della propria figura, in termini estetici.
Con il tempo ho provato anche creme chimiche, certo: costose, inutili, tanta pubblicità, consumismo e basta.

Le soluzioni naturali mi han sempre soddisfatta, abbastanza.
Insomma, per quanto può essere soddisfatta una donna…
Negli ultimi mesi ho avuto diversi problemi tra dermatite e congiuntivite e ho dovuto trovare rapide soluzioni visto che senza trucco è grave posare per la fotografia … o anche uscire a cena sembrando decente :p
Come linee cosmetiche, make up, mi son data all’Erbolario. Soddisfattissima.
I prezzi non sono eccessivi, ma ripeto, scelta dovuta a causa di problemi cronici miei!

Per quanto riguardo la manutenzione vera e propria del viso: tra stress e lavori scomodi mi son ritrovata invasa dai punti neri. Avete presente “unisci i puntini e indovina il disegno” della settimana enigmistica? Ecco.
In foto poi… stupore nel tracciarmi ippopotami sul naso.
Si, sono pignola, come è giusto che una donna!

yuna pelle

Ho trovato una soluzione ai punti neri davvero particolare..
Dopo diverse creme, cremine, intrugli pozioni magiche ho trovato lo “stacca punti”.
Prodotto economico, di facile reperibilità, chimico.
Ma spezzo ora una lancia per la chimica: “sono tutti derivati del petrolio” … be il petrolio in realtà fa parte dell’ecosistema: è naturale. :p
Organismi fossi e derivati di antichissimi organismi fossili: in poche parole cacca di dinosauro.
Abbiamo visto di peggio, suvvia!

Ora vi svelo il prodotto in questione:
La colla vinilica atossica (quella per i bimbi, che tentan sempre di mangiarla).
Inquietante?
Chi di voi, annoiato dalle lezioni, a scuola, non si è mai messo la colla sulla mano per spellicinarla una volta asciutta traendone sommo gaudio?!
No?!? Allora eravate secchioni…
Detto ciò; provare per credere!!!

image

-pulire bene il viso con sapone e un leggero scrub
-stare un 10 minuti su del vapore (pentola d’acqua bollente) senza cucinarsi il naso come un raviolo al vapore.
-con dei guanti in lattice delicatamente spremicchiare i punti neri, un po tutti, ma non del tutto.
Accertatevi che i vostri pori intasati sian ben dilatati.
-asciugatevi
-applicate uno sottile strato di colla:
Da usare su piccole aree
(Se no soffocate le pelle, a voi piace essere soffocati? Nemmeno per dieci minuti? Ecco, alla pelle nemmeno)
Lontano da pelurie e capelli
(Effetto ceretta poco piacevole: non funziona nemmeno bene!)
Lontano dagli occhi
(Risultato: strizzata d’occhio perenne)
Lontano dalla bocca
(A certe persone invece consiglio di incollarla per bene perché con tutte le stronzate che dicon sembra una fogna aperta stile Calcutta)
Lontano dal cuore
(Madre Natura vi perdonerà…)
-attendete 5/10 minuti
-con calma staccate la pellicola.
Oltre che ad essere divertente vedrete i piccoli inquilini abusivi subire uno sfratto davvero… appiccicoso. xD

La pelle ora è pulita, un po forse infastidia ed i pori sono aperti a nuovi inquilini che noi non vogliamo.
Per “chiudere le porte di casa” possiamo spremere su un batuffolo di cotone un po di limone, che ha tantissime proprietà benefiche per la pelle, oltre al bruciare un botto.
Però astringerà i poretti!!!
Da non sostutuire il limone con persobe acide; sono inutili pure per questo.
Dopodiché potete applicare qualche bella maschera idratante ed emolliente, come già avevo accennato in passato nel vecchio articolo.
In realtà anche solo un po di crema idratante aiuta.

Sconsiglio di farlo prima di un apparizione pubblica.
La pelle ha bisogno di qualche ora per riprendersi del tutto  (come per ogni maschera o pulizia del viso.)
Io non ho avuto alcuna reazione fastidiosa con la dermatite cronica, anzi, un po aiuta a pulire via la pelle deceduta.

Ah! Il limone sbianca la pelle.
Sulle lentiggini è un portento.

Ho provato anche la pulizia col bicarbonato ma la sconsiglio: è davvero tanto invadente.
Piuttosto ci aggiungo del limone e sale; poi mi ci lavo i denti per sbiancarli.
(Con delicatezza e parsimonia che si rischia di rovinare lo smalto!!!)

Questi son i miei nuovi trucchetti, li condivido sempre volentieri con voi e spero che per i miei Zillini (di più le Zilline) possa essere uno spunto per provare qualcosa di nuovo o per continuate a difendere Madre Natyra dall’abominio della cacca di dinosauro, già ben presente nel 80% percento dei materiali in casa vostra… sorry.

Alla prossima scopreta!

-Akira

/w la cacca di dinosauro!!!!/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s